Strumenti Utente

Strumenti Sito


regione_bresciana

La Regione Bresciana è un territorio dallo status particolare sito tra Milano e il Veneto.

Storia

Brescia era storicamente una città lombarda postasi sotto controllo veneto. Dopo gli eventi della seconda guerra mondiale la Generalità Bresciana divenne sempre più insofferente e il governo veneto decise di garantirle una costituente per decidere sul futuro.

Il mondo politico dell'epoca decise per una condivisione della sovranità tra Milano e Venezia, approvando nel 1947 la Costituzione Bresciana, che stabiliva fin dal primo articolo che “la sovranità bresciana deriva in egual modo dalla Corona Milanese e dal Cappello Dogale Veneto”, rappresentati sul territorio da un governatore generale ciascuno. mantenendo però un elevatissimo grado di autogoverno per Brescia, escludendo solo difesa e politica estera.

Nel 1950 viene firmato il trattato tra Milano e Venezia sullo status di Brescia che rende effettiva tale Costituzione.

Istituzioni

La Regione Bresciana è nei fatti una Repubblica Semipresidenziale. Ogni quattro anni viene eletto direttamente il Presidente della Regione che nomina con la fiducia del Consiglio Regionale il Cancelliere del Governo Regionale.

Il Parlamento Regionale è composto dal Consiglio Regionale (80 eletti direttamente e 20 eletti su base locale) e dal Senato Regionale (75 membri eletti dalle autonomie, dal mondo del lavoro e dell'industria e della cultura).

Il sistema giudiziario dipende dall'Alta Corte per la Regione Bresciana, composta da nove giudici: 3 di nomina milanese, 3 di nomina veneta e 3 di nomina locale. La procura regionale viene nominata dal governo e confermata dal Consiglio Regionale mentre i procuratori locali sono direttamente eletti.

L'istituzione regionale ha completa competenza su tutto ciò che non sia dato alla Commissione Bilaterale Veneto-Milano, ossia la difesa e la politica estera. Non esiste una cittadinanza bresciana: il governo regionale rilascia una residenza permanente a qualsiasi cittadino veneto o milanese che vive da almeno cinque anni. I residenti permanenti hanno diritto a un passaporto blu con scritto “[CITTADINANZA DI APPARTENENZA] - Regione Bresciana”. Ad oggi circa il 50% dei residenti ha passaporto veneto, il 40% passaporto milanese e il 10% entrambi.

La Regione è considerata parte del territorio doganale dell'UE ma non vota per il parlamento europeo. I cittadini veneti hanno comunque diritto a votare per il Veneto nelle elezioni europee mentre i cittadini milanesi, una volta ottenuta la residenza permanente, possono votare solo per la quota nazionale del Senato di Milano e per la Lega Lombarda.

Partiti politici

  • Partii Popolar Lombard - Partito dei Bresciani (movimento liberaldemocratico, federalista e pro identità lombarda a Brescia, ma col mantenimento dell'autogoverno)
  • Lombardia Unica (movimento popolare per l'annessione di Brescia alla Lombardia, nazionalista ed euroscettico)
  • Alleanza della Famiglia (cattolicesimo politico, conservatorismo, tendenzialmente pro Veneto ma in pratica autonomista)
  • Noi Veneti Autonomia (Conservatorismo liberale, difesa dell'interesse dei cittadini veneti, autonomismo)
  • Partito dei Valori (omologo a quello veneto, per l'annessione al Veneto)
  • Partito Socialdemocratico Unificato (convivenza, autonomismo, socialdemocrazia)
  • Partito Radicale Regionalista (trasversalismo identitario, liberalismo radicale, ambientalismo)
  • Partito Democratico (trasversalismo identitario, cristianesimo democratico)
  • Compromesso (socialismo, federalismo identitario)
  • Movimento Sociale Bresciano - Fiamma Bicolore (indipendentismo, socialismo di destra)
  • Rosa Camuna (autonomismo camuno, ambientalismo)
  • Patto Verde (ambientalismo)
  • Civici Nazionali (separatismo nazionale, euroscetticismo, liberismo)
  • Frigi Giacobini (estrema sinistra)

Status

Gli studiosi del diritto non sono concordi sullo status bresciano: per il governo veneto esiste nei fatti un condominio internazionale tra il Ducato e la Serenissima che insiste nel territorio bresciano mentre per il governo milanese si tratta di una delega parziale e permanente della propria sovranità da parte del governo veneto, che comunque resta titolare del territorio. In ogni caso ciò non crea alcun problema poiché entrambi gli Stati concordano sulla Costituzione Bresciana.

Infrastrutture

Strade

Brescia è ben collegata via strada con le principali città dei Paesi vicini.

Ferrovie

La rete ferroviaria, eccetto che la Brescia-Iseo-Edolo e la Ferdinandea, è di proprietà veneta. La maggior parte dei servizi vengono espletati dalle Ferrobresciane, compagnia pubblica, mentre alcuni servizi regionali o LP delle ferrovie venete e milanesi transitano per Brescia.

Aeroporti

L'Aeroporto di Brescia è servito da vari voli dall'Europa centrale e meridionale.

Simboli

Il simbolo regionale è la Rosa Camuna blu. La bandiera è la classica bandiera dai colori bresciani.

regione_bresciana.txt · Ultima modifica: 2020/10/16 23:36 da sciking